Come raggiungerci

Il Rifugio Troncea è situato nel cuore del Parco Naturale Val Troncea (facente parte del nuovo Ente Di Gestione Delle Aree Protette Delle Alpi Cozie), presso la frazione Troncea, balcone naturale sulla Valle.

La struttura, ricostruita sui ruderi di una vecchia abitazione tipica, è attiva dal 2007 ed è costituita da una ampia sala da pranzo dove gustare i piatti della cucina casalinga ispirati alla tradizione della Val Chisone, seguiti da golosi dolci rigorosamente fatti in casa e da un bicchierino di Genepy di Pragelato.

I 2 piani superiori ospitano le 8 stanze da 2,3,4,6 e 7 posti per un totale di 40 posti letto.

Dal Rifugio si possono raggiungere l’Alpe Mey, in testa al fondovalle, oppure i Forni di San Martino, punto molto panoramico o il Colle del Beth, il monte Ghinivert, il colle Arcano,il monte Barifreddo,il monte Appenna. È possibile raggiungere la valle Germanasca o la valle Argentera.

Accesso stradale

Dall’autostrada Torino-Pinerolo proseguire in direzione Sestriere fino alla borgata Traverses dopo Pragelato, superato il centro abitato, alla rotonda svoltare alla terza uscita, per imboccare la Val Troncea. Proseguire per un km circa, fino alle case di Pattemouche, dove, poco dopo, la strada termina in un ampio parcheggio prima di un ponte sul Torrente Chisone.
Oppure percorrere la Val di Susa, fino a Sestriere e scendere in Val Chisone fino alla rotonda di Traverses.

Dal parcheggio in poi

Percorso estivo

Dal parcheggio si possono percorrere le due strade carrozzabili, ma chiuse al traffico, che costeggiano il Torrente Chisone a dx o a sx fino al loro ricongiungimento, poi si svolta a sx sempre su strada carrozzabile e, dopo alcuni tornanti, si raggiunge il Rifugio.

Una variante si può imboccare dopo borgata Laval, sulla sx, risalendo un sentiero che porta alle case abbandonate di Seytes, dove da lì, alla stessa quota, si raggiunge Troncea. Il sentiero è ben segnalato dai cartelli del Parco e da paline rosse e bianche. Con questa variante il tempo di percorrenza è di 2 ore.

Percorso invernale

Dal parcheggio, calzate le ciaspole, si imbocca il Sentiero delle Ciaspole, percorso segnalato dai Guardiaparco con paline blu e cartellonistica. Dopo il parcheggio si tiene la sx orografica e si percorre un primo tratto in salita, per poi ridiscendere verso il torrente Chisone, in corrispondenza del vecchio Mulino di Laval.

A questo punto si attraversa il torrente su di un robusto ponte pedonale e si prosegue a lato della pista di fondo (rispettando gli sciatori camminando di lato e in fila indiana) per 200m circa.

Dopo il ponte si può scegliere tra un percorso più impegnativo, che prosegue ad una quota leggermente più elevata nei boschi con alcune discese e risalite, oppure un percorso più facile che costeggia il Torrente Chisone, con scorci caratteristici del letto del fiume a tratti ghiacciato.

I due percorsi si riuniscono in località Croce Rossa, dove, poco dopo, si svolta a sx per percorrere gli ultimi tornanti prima di raggiungere il Rifugio.

Contatti

Telefono: +39 3201871591 (no sms)
Email: info@rifugiotroncea.it

Apertura

Il Rifugio Troncea è aperto tutti i giorni fino al 29 settembre, poi i fine settimana di ottobre.


Cartina panoramica di Pragelato

mappa inetrattiva